Capannina meteo - Micrometeo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Capannina meteo

Documenti
Le capannine meteorologiche
La capannina ha pareti costituite da doppie persiane che consentono la ventilazione naturale, deve essere realizzata in modo da delimitare un ambiente in cui la temperatura sia uniforme e identifichi quella dell'aria esterna. La capannina deve circondare interamente il termometro impedendo così l'irraggiamento solare diretto e la penetrazione di precipitazioni. Il pavimento  è costituito da listelli sfalsati e non congiunti e il tetto realizzato con due strati separati, così da consentire una abbondante circolazione d'aria tra gli stessi. Nelle regioni con clima particolarmente rigido, anche il pavimento deve essere doppio, a causa dell'elevato coefficiente di riflessione della neve (fino all'88%), e deve essere facilmente asportabile, o basculante, per facilitarne la sua pulizia. Nelle zone ove si verificano coperture nevose notevoli e persistenti, è opportuno che i supporti della capannina siano modificabili in altezza, per poterla mantenere sempre a distanza corretta rispetto al suolo.
Le dimensioni e le caratteristiche devono essere tali da limitare la capacità termica e lasciare all'interno spazio sufficiente tra gli strumenti e le pareti e, in modo particolare, tra gli elementi sensibili degli strumenti e le pareti. Infatti nelle regioni più calde, ove il sole riscalda notevolmente le pareti, è possibile la formazione di un apprezzabile gradiente termico all'interno della capannina. Va inoltre evitato il contatto diretto tra l'elemento sensibile e il supporto del termometro. La capannina dovrà essere dipinta, all'interno ed all'esterno, con vernice bianca non igroscopica ,cioè che non assorba acqua e che non consenta quindi al legno di subire mutamenti di aspetto e dimensioni.
La libera circolazione dell'aria nell'interno della capannina facilita l'equiparazione della temperatura delle pareti interne a quella dell'aria circostante, riducendo l'influenza delle pareti stesse sulle lettrure termo igrometriche; viene così facilitato anche lo scambio termico tra esterno e interno affinchè il termometro sia messo in condizioni di adattarsi con maggiore rapidità ai cambiamenti di temperatura. L'aria che penetra all'interno, tuttavia, lambisce prima le pareti esterne e la sua temperatura può esserne modificata. Di conseguenza, la temperatura misurata all'interno di una capannina meteorologica, tende ad essere superiore a quella vera dell'aria circostante quando vi sia intensa insolazione e, di contro, lievemente inferiore a quella vera nelle notti con cielo terso e prive di vento; il delta t oscilla tra i +2,5 °C e i - 0.5 °C. Ulteriore causa d'errore nella misura può verificarsi per effetto del raffreddamento per evaporazione di una capannina bagnata dalla pioggia. Tutte le circostanze sopra descritte possono determinare errori di misura anche in altri strumenti alloggiati. Nonostante tutti questi accorgimenti costruttivi e di dislocazione (che ora citeremo) l’errore introdotto è notevole.
Per le ordinarie necessità della meteorologia, la temperatura misurata dovrà essere rappresentativa della temperatura dell'aria circostante alla stazione di osservazione, a un'altezza compresa tra 1.25 e 2.00 m dal suolo. E' necessario che tali limiti di altezza siano esattamente rispettati perché nello strato d'aria, anche molto sottile, a contatto con il suolo, possono instaurarsi forti gradienti termici. Per i motivi sopra menzionati, l'ubicazione di una capannina meteorologica che contenga un termometro deve rispettare le seguenti condizioni:
A  Il terreno sottostante e circostante deve essere pianeggiante con fondo erboso a stelo corto.
B La capannina deve essere esposta a normali condizioni di insolazione e di ventosità
C Non deve essere troppo vicina ad alberi, ad edifici o ad altri ostacoli (10 volte la distanza dell'ostacolo più alto se è posto anche l'anemometro e il gonioanemetro).
D Sono da evitarsi i terreni in forte pendenza o le conche, poiché vengono a trovarsi in condizioni termiche diverse da quelle del terreno circostante.
La capannina ha una sola apertura orientata verso nord, per evitare che i raggi solari non colpiscano direttamente gli strumenti durante le letture; devono essere realizzate con materiali resistenti ed assemblati con particolare cura. In località con possibili raffiche di vento particolarmente intense si raccomanda l’uso di supporti elastici per la capannina.
E’ necessario provvedere con frequenza alla manutenzione della stessa, del manto erboso sottostante  ed in particolare dovrà aversi cura di ridipingerla regolarmente.

Agosto 2020

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu